Social Communications

Social Communications

Scalabrinian Press Federation

comunicazioni sociali stampa

«To better serve the migrants, the Congregation fosters and promotes the use of mass media, prepares personnel for this task and works with those who pursue the same goals»

Rules of Life, 28

The Scalabrinian press Federation (SPF) unites and coordinates the Scalabrinian headings, which are published in different places and for different purposes: from parish bulletins to scientific journals, from the Congregation’s magazine to publications aimed at informing and sensitizing public opinion.

Scalabriniani

Acontecer Migratorio

A caminho

A complete list of periodicals and magazines

Radio

radio comunicazioni sociali

In those countries especially where distances are significant and where those who are entrusted to their care are spread out over a vast territory (e.g.: Brazil and Australia), the Scalabrinian missionaries make use of modern means of communication, such as radio and television programs. In southern Brazil, the missionaries are even the proprietors of radio stations.

The broadcasts make it possible to reach listeners not only with useful information, quiet moments of prayer and light entertainment, but also with the Gospel message, by means of reflections, meditations and the celebration of Mass.

List of radio and TV broadcasts

Redesul

Web radio “On the Move”

Web

The Web represents a new and particularly useful tool for spreading information and as a platform for information, exchanges and contacts at the local and world levels.

The Scalabrini Congregation, present in 34 countries and constantly in touch with the dispersion caused by migration, uses this tool to communicate within and among its provinces and regions, as well as for pastoral ministry (parish websites), as information and sensitization channel (e.g. the websites of the Centers of Study), and as a reference point for encounters and communications for youth activities (e.g. youth movements, media and culture).

Art

frontiere-scalamusic

ScalaMusic is the Scalabrinian Missionaries’ project to promote Christian music. It gathers and forms musical talents favoring their creativity in themes related to the world of human mobility. This association was born officially on May 21, 2008; its artists, however, have been active in creating common projects, in productions and shows since 2005.

Literature

Alcuni esempi di produzione editoriale scalabriniana.

Letture d'accoglienza - Gabriele Bentoglio

G.B. Bentoglio, Letture d’accoglienza. Accoglienza e ospitalità: valori e sfide

Ancient and New Testament agree in talking about the stranger in terms of acceptance, dialogue, mutual enrichment. Father Gabriele Ferdinando Bentoglio, Postulator General of the Scalabrinian Congregation and Doctor of Biblical Theology, guides us in the analysis of these writings which, because of their Christological-ecclesiological dimension, have «imprinted an original seal on the relationships between people, suggesting itineraries (… ) that can also illuminate the changed situations of today, especially in the context of migration».

Father Bentoglio was head of the Scalabrini International Migration Institute (SIMI) and undersecretary of the Pastoral Council for migrants and itinerants. He is currently parish priest in Reggio Calabria of the chiesa dei Santi Filippo e Giacomo in Sant’Agostino. For the magazine Scalabriniani he takes care of the Postulazione column.

Gianni Fanzolato Abbà caro papà meditazioni sul Padre nostro

G. Fanzolato, Abbà caro padre. Meditazioni sul Padre Nostro

Father Gianni Fanzolato is a Scalabrinian missionary who for several years has carried out his ministry in Loreto as spiritual father of the Scalabrinian welcome house, chaplain of the Abitare il tempo hospital and of the Oasi Ave Maria home for the elderly. He is the author of several books, including Ave Maria. Preghiera di vita (by Shalom publishing house) e Grande è il tuo nome su tutta la terra. Riflessioni intorno al secondo comandamento (by Città Nuova publishing house).

In his Abbà caro padre, published by Edizioni Il Segno, father Fanzolato collects his meditations on the prayer of the Our Father. «Trust and trust in the Father must therefore be preceded by any other request – wrote Archbishop Fabio Dal Cin – This is the golden thread that unites all the experiences that Father Gianni has collected and proposes for our meditation. Once again, the author gives us these agile and tasty pages that update and comment on the prayer of the sons of God with the concreteness of life».

G.F. Bentoglio, Migranti di ieri e di oggi. Viaggi e speranze

Migranti di ieri e di oggi. Viaggi e speranze is the title of a text by Father Gabriele Bentoglio, a Scalabrinian missionary and general postulator of the congregation. It is a collection of pastoral reflections and strategies to face the challenges of the migratory phenomenon that start from the life of some key figures in Scalabrinian history.

«The reflections collected in this book – we read on the back cover – come to a phase in the history of migration that is taking on dramatic and sometimes even tragic features».

Migranti di ieri e di oggi. Viaggi e speranze proposes to respond to the frequent appeals of Pope Francis to solicitude for migrants by providing the story of exemplary and close lives, a stimulus and encouragement for the pastoral workers of today.

E. C. Stibili, Pietro Bandini. Missionary, Social Worker and Colonizer

The figure of Father Pietro Bandini, a Scalabrinian missionary known above all for having founded in 1898 the Italian colony of Tontitown, in Arkansas, is a window on the important religious and social developments that characterized the United States at the turn of the nineteenth and twentieth centuries, like the Christianization of the Native Americans and the problems related to mass migrations from Europe.

The life and commitment of the priest born in Forlì on March 31st 1852 are carefully reconstructed in the book Bandini. Missionary, Social Worker and Colonizer” by E.C. Stibili, published by the Scalabrinian province of San Carlo Borromeo in collaboration with the Scalabrini International Migration Network (SIMN)

Giovanni Terragni, Padre Domenico Vicentini, Superiore Generale dei Missionari di S. Carlo (Scalabriniani) dal 1905 al 1919

When the bishop Giovanni Battista Scalabrini dies on June 1, 1905, the responsibility of leading the congregation of the Scalabrinian missionaries is shortly assumed by Father Domenico Vicentini. Superior general from 1905 to 1919, he has before him the difficult task of giving spiritual assistance and support to the large number of Italians who disembarked in America.

Father Giovanni Terragni, head of the General Archive of the Scalabrinian Congregation, tells the story of this trial and of the man called to face it.

F. Baggio, P. Parise, W. Lopes Sanchez, Diásporas africanas e processos sociorreligiosos
In June 2016, the second edition of “Simpósio Internacional sobre Religião e Migração” took place in São Paulo, Brazil. The book “Diásporas africanas e processos sociorreligiosos”, edited by Fabio Baggio, Paolo Parise and Wagner Lopes Sanchez, collects the experts’ contributions gathered in those days

Patrick Murphy, Vidas en vilo. Historias y testimonios de migrantes internacionales

Thirty years after its foundation on April 4, 1987, the Casa del Migrante di Tijuana, Mexico, continues to offer hospitality and support to migrants in transit, on the border with the United States. A service that continues to renew itself, adapting itself to the migratory changes and the needs of a part of humanity on the way. «Today it is no longer enough to provide migrants with food and shelter for a maximum of two months – explains Father Pat Murphy, director of the House – but it is necessary to respond to the request for complete humanitarian aid».

There are countless requests and stories that deserve to be told and which have been gathered by volunteers of the Casa del Migrante in over three decades of activity. This book, edited by the Scalabrinian father Patrick Murphy, collects a lot of them.

AA.VV. Internal Migration in Vietnam: Issues, Practices and Prospects

In January 2017 the Scalabrini Migration Center (SMC) in Manila, directed by Father Graziano Battistella, promoted a seminar in Ho Chi Minh City for the study and sharing of good practices on the phenomenon of human mobility within the borders of the Asian state. Here’s the booklet which collects the themes and discussions of those days.

AA.VV, Characteristics of Temporary Migration in European-Asian Transnational Social Spaces

From February 2014 to January 2017, the European Union financed international research to study transnational temporary mobility in the European-Asian context. Now the results of the research are available in the volume Characteristics of Temporary Migration in European-Asian Transnational Social Spaces, published by Springer, which includes a contribution from the Scalabrini Migration Center (SMC) in Manila.

Tony Paganoni, International Migration: The Discussion Continues. Shifting roles and identities within societies and within the Catholic Church. The case of Australia, Roma, Centro Studi Emigrazione (CSER), 2015

Quando si parla di migrazione, non si può nascondere la sensazione che la maggior parte delle dichiarazioni pubbliche siano “sui” migranti: se tentassimo un censimento delle dichiarazioni, dei suggerimenti, delle indagini e degli studi sul tema, vedremmo che le opinioni “dei” migranti, le loro idee e dichiarazioni siano molto meno numerose, quasi ininfluenti.

Missionario scalabriniano nella città di Adelaide, padre Paganoni si interroga sulla disparità di partecipazione a una questione importante, quella delle migrazioni, che riguarda il benessere di ogni comunità.

lettere da gibuti renato zilio

Renato Zilio, Lettere da Gibuti, Comunità cristiane nel mondo musulmano, Padova, Edizioni Messaggero, 2009

Questa serie di riflessioni di padre Renato, missionario a Gibuti, ci permette di gustare un po’ la realtà di una minuscola Chiesa in terra d’Islam.

Queste pagine aiuteranno infatti il lettore a incontrare un mondo diverso dal mondo in cui vive. «Le Afriche ci ricordano quello che diceva saggiamente uno dei personaggi generati dall’estro letterario dello scrittore senegalese Cheick Anta Diop a proposito dei rapporti Nord-Sud: “Non abbiamo avuto lo stesso passato, voi e noi, ma avremo necessariamente lo stesso futuro”». Dalla postfazione di Giulio Albanese

lettere dal deserto renato zilio

Renato Zilio, Lettere dal deserto. Incontri di conversione, Edizioni Paoline, 2009

Il deserto insegna l’essenziale, al di là di ogni cultura, di ogni abitudine acquisita o di ogni religione. In questo libro uomini o donne più differenti sono portati dal soffio del vento del deserto e uno Spirito di amore vivo, gratuito e profondo li anima.

«Il deserto, nella sua austera nudità, è un riferimento forte dell’esperienza religiosa e cristiana. Il libro di padre Renato Zilio con la sua densità poetica ci fa incontrare luoghi di deserto significativi per la vita attuale della Chiesa» (dalla Prefazione del card. Georges Cottier).

comunicazioni sociali parolin lovatin ecclesiologia scalabrini

Gaetano Parolin, Agostino Lovatin, L’ ecclesiologia di Scalabrini: atti del II Convegno Storico Internazionale (Piacenza, 9-12 novembre 2005)Urbaniana University Press, 2007

II Convegno storico internazionale su L’Ecclesiologia di Scalabrini ha avuto luogo a Piacenza dal 9 al 12 novembre 2005, nel contesto delle celebrazioni per il primo centenario della morte del vescovo di Piacenza e fondatore dei Missionari di San Carlo – Scalabriniani.

A quasi vent’anni di distanza dal precedente convegno, sul tema Scalabrini tra Vecchio e Nuovo Mondo, e a seguito degli studi storiografici più recenti, è maturata l’esigenza di un approfondimento degli aspetti più fondamentali della visione spirituale, ecclesiologica e missionaria di Giovanni Battista Scalabrini.

Tale tematica è stata sviluppata in due momenti e giornate distinte: l’Ecclesiologia e la Spiritualità di Scalabrini nel contesto storico-teologico di fine ‘800; l’Approfondimento storico-teologico di alcuni aspetti della ecclesiologia di Scalabrini, alle quali sono seguite due tavole rotonde, rispettivamente su Il contributo dei migranti e degli Scalabriniani alla Chiesa di Cristo, e Religione, nazione e cultura: Scalabrini e il dibattito attuale.

Chiude la raccolta il testo integrale del progetto di Scalabrini per la costituzione di una commissione centrale Pro emigratis catholicis.

comunicazioni sociali zanini della stessa forza di Dio

Roberto Italo Zanini, Della stessa forza di Dio: Scalabrini, un vescovo negli anni difficili dell’OttocentoSan Paolo, 2011

L’Ottocento è il secolo dell’unità d’Italia, delle grandi crisi agricole e sociali, degli imponenti movimenti migratori verso le Americhe, della rottura fra Stato e Chiesa, dell’attrito aspro fra ideologia liberale e pensiero cristiano, del difficile rapporto fra tradizione e modernità.

Giovanni Battista Scalabrini (1839-1905) si muove in questi ambiti con l’intuito dell’innovatore, l’equilibrio e la dirittura morale del vescovo che ha come unico obiettivo il bene delle anime, l’efficacia dell’ imprenditore, la profondità spirituale, la capacità di dialogo e la visione del futuro propria dei grandi santi. Pone le basi per la riforma catechistica nazionale, rivede alla radice la formazione del clero, diventa punto di riferimento per l’intellighenzia cattolica.

Fondatore di congregazioni religiose, amico e ispiratore di letterati, uomini di Chiesa e grandi santi come Fogazzaro, Bonomelli, Semeria, Pio X, Francesca Cabrini, Toniolo, coglie per primo le emergenze dell’epoca imponendole all’attenzione della Gerarchia e del Parlamento. Le sue iniziative e le idee in favore dei migranti sono, ancora oggi, di incredibile attualità.

comunicazioni sociali parolin chiesa postconciliare migrazioni

Gaetano Parolin, Chiesa postconciliare e migrazioni: Quale teologia per la missione con i migrantiGregorian Biblical BookShop2010

Le migrazioni sono una realtà complessa, diffusa e strut­tu­rale, che negli ultimi decenni ha conosciuto uno sviluppo senza precedenti. Esse presentano inoltre risvolti spesso drammatici, come testimonia la cronaca ormai quo­ti­diana. Alla crescita del fenomeno si accompagna, peraltro, lo sviluppo di politiche restrittive e di espres­sioni xenofobe e discriminatorie.

Lo studio presenta una lettura interdisciplinare della realtà migratoria, allo scopo di evidenziare le conver­genze significative che risultano dal dialogo tra scienze umane e scienze teologiche. Il carattere processuale e relazionale delle migrazioni, la dimensione aperta delle identità nazionali, etniche e culturali, offrono all’ap­proc­cio teolo­gico la possibilità di cogliere uno spazio erme­neu­tico che ci per­met­te di parlare di Dio, della persona umana e del mondo, di Cristo e della Chiesa.

L’analisi del rapporto profondo tra missione e migra­zioni arriva ad ipotizzare la missione tra, per e con i migranti come un nuovo paradigma della missione stessa della Chiesa. Sulla scorta dei documenti della Chiesa postconciliare risulta inoltre evidente il passaggio dalla pasto­ra­le migratoria di conservazione ad una pastorale missionaria, dialo­gica e comunionale.

Tempo delle migrazioni, il nostro è soprattutto tempo dello straniero. In questo contesto assume importanza il tema del riconoscimento, assoluto ed incon­dizionato, reciproco e riconoscente dell’altro, che apre la via alla re­la­­zione amorosa, nella quale trovano significato e si in­con­­trano alterità e identità, unità e molteplicità, diffe­ren­za e ugua­glianza, periferia e centro, distanza e prossi­mi­tà.

comunicazioni sociali paganoni pastoral care italians australia

Anthony Paganoni, The Pastoral Care of Italians in Australia: Memory and ProphecyConnor Court Publishing Pty Ltd, 2007

This book explores the Italian contribution to the life of the Church in Australia. It begins with the historical experiences where Italians became identified as the Italian Problem, right through the Second World War where they became Enemy Aliens and on to the post war period, where Italians moved from being Dagoes to becoming Doers.

The first half of this impressive book challenges the treatment of Italians in Australia and boldly argues for a new awareness, almost an Italianization of the Australian Catholic Church. The final two chapters explore the Italian contribution to the Australian Church through the prism of theology and scripture.

As Australians of an Italian background move on to their third and even fourth generation in Australia, this volume will become a rally call to reclaim our unique heritage, which is Catholic, Italian and, most of all, Australian.

comunicazioni sociali baggio brazal faith move

Fabio Baggio, Agnes M. Brazal, Faith on the Move: Toward a Theology of Migration in AsiaAteneo University Press, 2008

The essays in this anthology were first presented as papers in the conference, Faith on the Move: Toward a Theology of Migration in Asia, July 14-15, 2006, jointly organized by the Scalabrini Migration Center, Episcopal Commission on Migrants and Itinerant People, and the Maryhill School of Theology.

comunicazioni sociali terragni scalabrini congregazione missionari emigrati

Giovanni Terragni, Scalabrini e la congregazione dei missionari per gli emigrati. Aspetti istituzionali 1807-1905, Autori inediti, 2014

Il libro di padre Terragni sugli aspetti istituzionali della Congregazione dei Missionari di San Carlo per gli emigrati, oltre a fare riferimento a precedenti studi sulla storia dell’Istituto, si presenta in un’ottica di novità. Il volume presenta due parti distinte e interconnesse. La prima, come premessa, offre una chiave di lettura della personalità di monsignor G.B. Scalabrini, vescovo di Piacenza dal 1876 al 1905, fondatore di due congregazioni, quella dei Missionari e delle Missionarie di San Carlo.

La seconda parte, quella centrale, tratta in modo specifico il tema degli aspetti istituzionali della Congregazione Scalabriniana, come stati ideati e realizzati dal Fondatore attraverso un costante dialogico confronto con Propaganda Fide. Lo scopo del libro è anzitutto quello di mostrare, sulla base di documenti, il complesso iter che Scalabrini ha compiuto per strutturare la congregazione dei Missionari che, con la collaborazione attiva dei laici, fosse funzionale all’assistenza religiosa e sociale degli emigranti nell’epoca delle migrazioni di massa.

Il costante riferimento alla struttura fondante e originaria, parte integrante del carisma dell’istituto, è particolarmente importante oggi, non solo come retrospettiva storica, ma anche e soprattutto come elemento propulsivo e garante di rinnovamento nella fedeltà.