Giovanni Battista Scalabrini – Scritti

Giovanni Battista Scalabrini – Scritti

fondatore scalabrini scritti

“Vescovo al cui cuore non bastò una diocesi”

Il beato Scalabrini lascia diverse opere di vario carattere e natura: dalle conferenze sul Concilio Vaticano I, quando ancora era parroco a Como (1873) agli scritti sul catechismo, dall’intervento sulla questione che in seno alla Chiesa divideva transigenti e intransigenti (1885) alle opere sull’emigrazione, fino all’opuscolo Il socialismo e l’azione del clero che ebbe ben due edizioni nel corso del 1899.

Dopo la sua morte vennero curati e pubblicati altri suoi scritti: il Memoriale sulla Congregazione o Commissione “Pro Emigratis catholicis” del 1905, il Carteggio Scalabrini-Bonomelli (1868-1905) e la raccolta delle Lettere Pastorali (1876-1905).

Da questi scritti emerge l’anima pastorale di Scalabrini: non uomo di pensiero in primo luogo, ma vescovo e pastore attento al bene delle persone che gli sono affidate. E non solo. Venne infatti definito “vescovo al cui cuore non bastò una diocesi”, essendosi fatto carico di questioni che interessavano la Chiesa intera, in primo luogo le migrazioni.

escort istanbul escort