Istituto storico

Istituto storico

memoria istituto storico

Gli scritti e le testimonianze

Il patrimonio storico della congregazione, costituito dall’opera e dagli scritti del Fondatore nonché dalle testimonianze documentarie relative alla vita e all’opera dei primi missionari, rappresenta una fonte imprescindibile per la vitalità del carisma missionario scalabriniano.

L’ambito di competenza dell’Istituto Storico, che opera in stretta collaborazione e sinergia con l’Archivio generale, comprende lo studio e la pubblicazione dei testi del Fondatore (opere, lettere pastorali, omelie), opportunamente collocati nel momento storico considerato, e la vita della congregazione, nelle vicende che ne hanno segnato l’origine e i primi sviluppi.

All’attivo dell’Istituto Storico si possono contare numerose pubblicazioni. Ricordiamo tra le altre la pregevole Vita di Giovanni Battista Scalabrini di padre Mario Francesconi, postulatore della causa di beatificazione del Fondatore, e l’edizione delle Lettere pastorali di padre Ottaviano Sartori.

Lo studio del patrimonio

Oltre ai sopra ricordati padre Francesconi e padre Sartori, si sono succeduti alla direzione dell’Istituto Storico i padri Gianfausto Rosoli, Antonio Perotti e Agostino Lovatin.

A padre Perotti in particolare si deve un notevole impulso all’Istituto mediante un intenso lavoro di ricognizione documentaria dei primi anni della congregazione, confluito in un volume che traccia ne una prima storia. Purtroppo l’improvvisa scomparsa nel settembre 2004 impedì a padre Perotti di portare a termine il lavoro per la pubblicazione, come anche di condurre un prestigioso convegno storico (L’Ecclesiologia di Scalabrini) già accuratamente preparato, e che si tenne l’anno successivo nella Casa Madre di Piacenza (ottobre 2005) nel quadro delle celebrazioni per il centenario della morte del Fondatore.

Dal luglio 2008 a tutt’oggi i lavori dell’Istituto Storico sono temporaneamente sospesi.